Extended Deadline Call for artists: October 15th

Contact: brillo@associazioneazimut.net

8-9 Novembre 2019

Piazza Emanuele Filiberto

Torino

 

È ufficialmente aperta la call pubblica per partecipare alla prima edizione di BRILLO, il Festival Internazionale dedicato al Video Mapping, una delle arti performative più suggestive e spettacolari dell’ambito visuale e digitale contemporaneo.

L’iniziativa non nasce per caso, ma da una parte intende accendere un faro ufficiale, a Torino e in campo internazionale, sulla tecnologia multimediale che consente di proiettare luci e video su superfici reali e dall’altro vuole diventare un’occasione pubblica per trasformare in chiave espressiva e in spunto di riflessione tutto ciò che rappresentano i muri, superficie principe su cui si applica il video mapping, e più in generale le barriere e le divisioni tout court.

Per questo l’Associazione Culturale Azimut, all’interno della XXI edizione di IoEspongo e in occasione del trentennale della caduta del muro di Berlino, vuole stimolare tramite un processo creativo e collettivo, un nuovo modello di pensiero sull’abbattimento dei “nuovi muri” (materiali e immateriali) e in più sviluppare un particolare riferimento all’emergenza climatica.

Cosa rappresentava il muro degli anni 80’ e come si è trasformato fino ad oggi?

Se il muro di Berlino era l’espressione fisica della tensione tra est e ovest, i “nuovi muri” cosa o chi separano? Quali sono i nuovi muri in un mondo globalizzato e interconnesso? Dai muri anti-migranti, passando tra le discriminazioni, dalle barriere create dalle proprie posizioni, dalla cecità ecologica fino agli smart phone che tanto ci avvicinano quanto ci allontanano gli uni dagli altri. La realtà è che i muri sono ovunque, l’unico modo per iniziare un percorso verso l’abbattimento è di individuarli.

L’obiettivo quindi è dare vita a un contest per giovani artisti che si impegnino a creare performance, progettate per stimolare una sempre maggior consapevolezza e attenzione sull’argomento. I partecipanti, iscrivendosi al bando ufficiale della prima edizione di Brillo, avranno la possibilità di realizzare il video mapping proposto durante l’evento principale che si terrà l’8 e il 9 novembre nella città di Torino.

La superfice mappata sarà di 2.5×4.5m. Il visual stampato sulla superfice ha come soggetto un’architettura impossibile, che rappresenta l’inutilità della costruzione sia mentale che fisica del concetto muro. I mapper sono dunque chiamati ad annullare e a ripensare un’architettura, un costrutto. L’obiettivo non è solo coerenza verso il tema proposto, ma restituire al video-mapping una maggiore legittimazione e dignità artistica.

Ideato da 

Associazione Culturale Azimut 

Direttore Artistico

Tommaso Rinaldi aka High Files 

 

IoEspongo XXI prevede inoltre due iniziative sul territorio:

● PLASTICA IN VETRINA

Attraverso il confronto e il dibattito fra l’associazione Azimut e i responsabili delle numerose attività commerciali, i residenti e le associazioni di categoria del Quadrilatero Romano di Torino é stato identificato il bisogno di ridurre l’uso improprio di materiale plastico.

Si evince inoltre che il territorio individuato per l’azione artistica, essendo una zona di movida, tende a creare un vero e proprio “muro” di plastica. Nasce in tal senso un’azione concreta ed espositiva che coinvolge il mondo dei giovani artisti.

L’associazione culturale Azimut, relazionandosi col territorio indurrà, in un periodo compreso tra Giugno e Novembre 2019, un processo di raccolta della plastica e sensibilizzazione sul tema dell’emergenza ambientale. Verranno, poi, (Settembre) costruiti degli elementi installativi nelle vetrine dei soggetti aderenti all’iniziativa. Tali elementi si traducono in un contenitore di forma parallelepipeda avente per lato una vetrina (quindi trasparente) e per i restanti lati un materiale opaco di colore bianco. Il contenitore verrà allestito coinvolgendo l’attività prestante lo spazio e giovani artisti. Il parallelepipedo verrà, quindi, riempito di materiale plastico precedentemente raccolto, selezionato e lavato.

● SKETCH IN THE CITY

Grazie a un disegno spesso è più facile catturare la realtà o l’essenza di molti fatti quotidiani che si sviluppano tanto in una metropoli come in un piccolo quartiere, così “Sketch in The City” per una sera darà vita a uno sguardo istantaneo e immersivo sul mondo che ci circonda, dando spazio a giovani talenti artistici.

Tutto si svolge in strada, dove di volta in volta, quasi come un flash mob, un gruppo selezionato di disegnatori, italiani e stranieri, si dà appuntamento e inizia a incidere il foglio bianco, dal tramonto fino a sera inoltrata. Ognuno ha a disposizione un proprio tavolino, illuminato da una lampada gialla, che lo aiuterà a disegnare dal vivo (live sketch) in mezzo alle persone che possono girare liberamente intorno a ogni artista mentre scende la notte. Quest’anno si terrà a Settembre, sarà in collaborazione coi Graphic Days Torino e insieme agli elementi espositivi precedentemente descritti sarà un episodio di lancio verso l’evento principale (1 Contest videomapping). Lo scopo sarà quello di esplorare attraverso il disegno e la sua immediata restituzione il tema dei “nuovi muri” e, data la natura pubblica dell’evento stesso, di coinvolgere il maggior numero di avventori e passanti, con particolare attenzione verso la fascia di bambini che va dai 5 ai 12 anni.

ENG

 

The call is open for the first edition of BRILLO, an International Festival dedicated to Video Mapping, one of the most evocative and spectacular performing arts in the contemporary visual and digital environment.

The initiative intends to light an official lighthouse, in Turin and internationally, on multimedia technology that allows projecting lights and videos on real surfaces and on the other it wants to become a public occasion to transform in an expressive key and as a starting point for reflection all the walls represent, the main surface on which video mapping is applied, and more generally the barriers and divisions.

Azimut Cultural Association, within the XXI edition of IoEspongo , on the occasion of the 30th anniversary of the fall of the Berlin Wall, wants to stimulate through a creative and collective process, a new model of thought on the demolition of the “new walls” (material and immaterial) and in addition to develop a particular reference to the climatic emergency.

What did the wall of the 80s represents?

If the Berlin Wall was the physical expression of the tension between east and west, what do the “new walls” separate or do they separate? What are the new walls in a globalized and interconnected world? From anti-migrant walls, passing through discrimination, from barriers created by their own positions, from ecological blindness to smartphones that bring us closer to each other than they distance us from each other. The reality is that the walls are everywhere, the only way to start a path towards killing is to identify them.

The objective is therefore to create a contest for young artists who are committed to creating performances, designed to stimulate greater awareness and attention on the subject. Participants, by registering for the official announcement of the first edition of Brillo, will have the opportunity to carry out the video mapping proposed during the main event,  8 – 9 November in Turin.

Ideated by 

Associazione Culturale Azimut 

Art Director 

Tommaso Rinaldi aka High Files 

 

IoEspongo XXI also proposes two side initiatives:

● PLASTIC SHOP WINDOW

Through the comparison and the debate between the Azimut association and the managers of the numerous commercial activities, the residents and the trade associations of the Roman Quadrilateral of Turin have identified the need to reduce the improper use of plastic material.

It also shows that the area identified for the artistic action, being a nightlife area, tends to create a real plastic “wall”. In this sense, a concrete and expository action is born that involves the world of young artists.

The Azimut cultural association, relating to the territory will induce, in a period between June and November 2019, a process of plastic collection and awareness on the issue of environmental emergency. Then, (September) will be built some installation elements in the windows of the subjects adhering to the initiative. These elements translate into a parallelepiped-shaped container with a display case on the side (therefore transparent) and an opaque white material for the remaining sides. The container will be set up involving the space-performing activity and young artists. The parallelepiped will then be filled with previously collected, selected and washed plastic material.

● SKETCH IN THE CITY

Thanks to a drawing it is often easier to capture the reality or essence of many daily facts that develop as much in a metropolis as in a small neighborhood, so “Sketch in The City” for an evening will give life to an instant and immersive look on the world around us, giving space to young artistic talents.

Everything takes place in the street, where from time to time, almost like a flash mob, a select group of designers, Italians and foreigners, meet and start engraving the white sheet, from sunset until late evening. Each has its own small table, lit by a yellow lamp, which will help him draw live (live sketch) among the people who can turn freely around each artist as night falls. This year it will be held in September, it will be in collaboration with the Graphic Days Torino and together with the exhibition elements described above it will be a launch episode towards the main event (1 Videomapping Contest). The aim will be to explore the theme of the “new walls” through drawing and its immediate return and, given the public nature of the event itself, to involve the greatest number of customers and passers-by, with particular attention to the range of children which goes from 5 to 12 years.

Deadline:  October 15th 2019

Contact: brillo@associazioneazimut.net

Leave a Reply